Seleziona una pagina

BlockBusterBlockbuster chiuderà tutti i suoi punti vendita nei primi mesi del 2014.

Al momento del suo apice, nel 2004, Blockbuster contava su 9 mila punti vendita, con un fatturato annuo di poco meno di 6 miliardi di dollari. Nello stesso anno, il mercato complessivo negli Stati Uniti di DVD, Blu-Ray e videocassette VHS ammontava a circa 25 miliardi di dollari. Oggi rimangono solo 300 punti vendita, che sono l’ultima frontiera candidata alla chiusura il prossimo anno. Nel secondo quarto del 2013 Blockbuster ha registrato una perdita di 120 milioni di dollari. D’altra parte, il mercato complessivo americano dei film su supporto fisico è crollato a un quarto del suo valore rispetto a nove anni fa, per un totale complessivo di 8,5 miliardi di dollari.

La regola che tutto quello che succede negli usa dopo un pò succede anche da noi secondo me è ancora valida. Magari le distanze si sono accorciate, le cose (mode, tecnologie…) succedono quasi in contemporanea in tutto il mondo “civilizzato” (quei paesi cioè dove c’è un mcdonald’s).

Questa notizia di blockbuster rafforza la mia idea che i supporti fisici (cd, dvd) sono finiti. persino i nuovi bluray avranno vita breve, se non come supporto per il backup dei dati, vista la capienza, ma ancora per poco… già da un pò di anni infatti i ragazzi sentono la musica dagli ipod, iphone & c. poi tutti gli stereo moderni hanno ingressi usb, persino le autoradio hanno porte usb. la musica venduta online aumenta di anno in anno contro i cd che perdono mercato. Addirittura i film sono sempre più scaricati (parlo solo del mercato legale!), anche in alta qualità grazie ai nuovi sistemi di compressione come l‘H.264. insomma tutto mi fa intravedere un futuro fatto di account in rete, abbonamenti ai vari fornitori di servizi online (invece delle vecchie tessere per il noleggio dei film!),  dove basta autenticarsi per accedere alla propria “videoteca” infinita… nemmeno il singolo film da comprare, ma semplicemente un canone annuo per avere sempre accesso a tutto quello che è stato girato, e poter vedere in qualunque posto il film che si desidera, al limite dal telefonino quando si è in vacanza… ma sempre in alta qualità! poi i “pirati” ci saranno sempre, i film si continueranno a scaricare (o al massimo a vedere in streaming gratis), come una volta si noleggiavano e si copiavano, o come i “marocchini” che vendono i film copiati oggi… ma vuoi mettere la comodità (pagando) di avere a disposizione qualunque film, senza dover uscire di casa a sceglierlo… (per non parlare dei casi in cui il dvd non si vede bene, è graffiato, o peggio non è disponibile!!)