Seleziona una pagina

Hard disk pieni di elio per realizzare prodotti da 3,5 pollici da 7 terabyte già nel 2013. Hitachi Global Storage, parte di Western Digital, ha annunciato una nuova soluzione tecnologica per incrementare la capacità dischi fissi e abbassare il cosiddetto “costo di possesso” (TCO) per i clienti del settore enterprise e cloud. Non si tratta quindi, almeno inizialmente, di una proposta indirizzata al mercato consumer, bensì a chi ha un datacenter e deve affrontare l’esplosione del fenomeno del cloud computing, ancora agli albori e nei prossimi anni sempre più centrale. Insomma, chi ha bisogno di molti hard disk con un’elevata capacità.

“La densità dell’elio è un settimo di quella dell’aria e questo offre vantaggi rilevanti”, ha dichiarato l’azienda, sottolineando che il prodotto è frutto di sei anni di ricerca e sviluppo. La densità più contenuta fa sì che agisca una minore forza di trascinamento sui piatti rotanti all’interno dell’hard disk, riducendo di conseguenza l’energia richiesta per azionare il motore che muovere la meccanica all’interno del prodotto. La densità più bassa riduce drasticamente anche le forze fluidodinamiche che colpiscono i piatti e i braccetti delle testine, consentendo ai piatti di essere meno distanti l’uno dall’altro e alle tracce di essere più vicine tra loro. Questo permette quindi di inserire sette piatti in 3,5 pollici (il limite odierno è cinque) e al tempo stesso aumentare la densità delle informazioni scritte sui supporti. Le minori forze di taglio e la maggiore efficienza dell’elio nella conduzione termica permettono al disco di raggiungere temperature  e rumorosità inferiori. “I benefici di un hard disk riempito con l’elio si conoscono da molto tempo. L’innovazione sta nella produzione e nel progetto, che sigilla l’elio all’interno dell’hard disk in modo conveniente garantendo volumi di produzione elevati”, ha dichiarato Steve Campbell, a capo delle operazioni tecnologiche di HGST.

La nuova soluzione è stata dimostrata durante il Western Digital Investor a Irvine, California. All’evento Hitachi ha confrontato un nuovo disco con elio e una soluzione equivalente ad aria, comprovando una riduzione dei consumi del 23%. Un dato interessante, che però va messo in prospettiva: tenendo conto che il nuovo hard disk ha due piatti in più, il miglioramento in termini di watt per terabyte è pari al 45 percento. Parallelamente il disco ha raggiunto una temperatura operativa inferiore di 4 gradi. Insomma, un’ottima soluzione sotto i punti di vista, anche se non si conoscono i prezzi, né le caratteristiche tecniche precise dei prodotti che arriveranno in commercio. Hitachi ha promesso di fare maggiore chiarezza il prossimo anno, quando si terrà il debutto ufficiale degli “hard disk all’elio”.